Crea sito

I LUOGHI DI RAGNATELE

Soluzione Ragnatele Aprile – Cimitero Frazione Banna (Poirino)

Le prime tracce della frazione Banna risalgono alla seconda metà del 1200, in una zona di fitti boschi e pioppeti in cui scorreva, e tuttora scorre, l’omonimo torrente. Nel corso dei secoli diverse casate si successero nella proprietà del feudo, compresi i Savoia che, verso la fine del 1700, la ressero per una ventina d’anni.

A poca distanza dal borgo, proprio sulla riva del torrente, sorge un minuscolo cimitero ombreggiato da un boschetto e circondato dal granoturco. Fu eretto nel 1833 e destinato alla sepoltura dei contadini che vivevano nelle cascine. L’ultima tumulazione risale al 1957, con la morte del prete della tenuta.

Dagli anni trenta del secolo scorso l’intero complesso appartiene all’antica famiglia genovese degli Spinola. Nel 2005 venne inaugurata la Fondazione Spinola-Banna per l’Arte, che ospita una residenza per artisti e propone seminari, workshop e conferenze sull’arte e la musica contemporanea.

Soluzione Ragnatele Marzo – PALAZZO OPESSO (Chieri)

Palazzo Opesso si trova all’inizio della salita da Piazza Mazzini verso San Giorgio, di fronte ai palazzi Mercadillo e Valfrè. Nel ’300 era di proprietà della famiglia Mercadillo e nel ’500 venne acquisito dalla famiglia Opesso. A metà del ’700 passò al Comune che lo ristrutturò per adattarlo a carcere e potervi trasferire i detenuti, fino a quel momento reclusi all’ultimo piano dell’antistante palazzo comunale. L’intervento per ricavare numerose piccole celle modificò l’altezza dei solai e portò il numero dei piani da tre a quattro. Le carceri divennero poi mandamentali e furono soppresse nel 1960, perché non più adeguate ai requisiti diX sicurezza. (altro…)

Soluzione Ragnatele Febbraio – Piazzale Maria Mode, Dusino San Michele

Maria Mode è stata, per molti anni, una delle principali destinazioni per gli acquisti di abbigliamento, facilitati anche dalle aperture domenicali. Quando da noi era tutto chiuso, bastava infatti fare pochi chilometri, cambiare provincia, e si poteva trovare un mercato in funzione, i distributori di benzina e i negozi aperti a tutte le ore, anche di festa. Come essere all’estero. (altro…)