Palazzo Opesso si trova all’inizio della salita da Piazza Mazzini verso San Giorgio, di fronte ai palazzi Mercadillo e Valfrè. Nel ’300 era di proprietà della famiglia Mercadillo e nel ’500 venne acquisito dalla famiglia Opesso. A metà del ’700 passò al Comune che lo ristrutturò per adattarlo a carcere e potervi trasferire i detenuti, fino a quel momento reclusi all’ultimo piano dell’antistante palazzo comunale. L’intervento per ricavare numerose piccole celle modificò l’altezza dei solai e portò il numero dei piani da tre a quattro. Le carceri divennero poi mandamentali e furono soppresse nel 1960, perché non più adeguate ai requisiti diX sicurezza.
Il basso fabbricato che si affaccia sul cortile interno è stato ristrutturato, diventando una Galleria Civica nei cui locali l’Unione degli Artisti organizza le proprie mostre.

Carcere di palazzo opesso
Carcere di Palazzo Opesso – Chieri, via San Giorgio 3